Profumi e sapori di Natale: il gelato al panettone sta arrivando!


Quanto manca al Natale? Per la precisione: 47 giorni (cioè 1.141 ore).

In tanti avete già iniziato a fare il conto alla rovescia e anche noi ci stiamo preparando!

Nei nostri laboratori, infatti, si sta iniziando a sentire il profumo del panettone…

 

Il panettone… protagonista in questi anni di un vero e proprio ritorno di fiamma che lo ho riportato sulle nostre tavole e non solo, facendolo uscire dai confini della pasticceria classica e rivisitandolo in ricette salate, nell’alta cucina o… nella gelateria.

Il dolce tradizionale milanese delle festività natalizie è tornato insieme ad una riscoperta dei valori di artigianalità, grazie ad una nuova consapevolezza dei consumatori, sempre più in grado di riconoscere e apprezzare la qualità degli ingredienti e la lavorazione artigianale.

 

Ci sono infatti regole precise perché un prodotto dolciario possa essere chiamato “panettone”. Esiste un decreto ministeriale del 22 luglio 2005 che stabilisce gli ingredienti e le caratteristiche di alcuni dolci tradizionali italiani, tra cui non poteva mancare il panettone. Il classico milanese deve essere a pasta morbida e ottenuto per fermentazione naturale da pasta acida. Deve essere fatto con farina di frumento, zucchero e uova, ma con una maggiore percentuale di tuorli rispetto agli albumi. Poi uvetta e scorza di agrumi canditi in quantità non inferiore al sedici per cento, burro, in quantità non inferiore al sedici per cento, lievito naturale e sale.

 

Nel rispetto di tutte queste regole auree negli anni ci siamo specializzati nel gelato al panettone: frutto di una vera a propria lavorazione di pasticceria!

Una delizia di strati di crema d'altri tempi arricchita di uvetta sultanina, alternata a morbidissimi strati di fette di finissimo panettone artigianale.

 

Vi è già venuta voglia di Natale, vero?

Ma diffidate dalle imitazioni! L’originale è solo da noi!